Il Candomblé e la Cucina
(Convegno teorico-pratico svoltosi presso la sede dell'Associazione)

 

 
 

KUKÚNDUNKÚN DI OXUMARÊ
INGREDIENTI:

Patate dolci, miele


  PROCEDIMENTO:

  Porre le patate dolci, ben lavate ma ancora con la buccia, in una pentola a pressione, coprirle d'acqua e farle cuocere per circa 20-30 minuti, fino a quando la buccia tenda a staccarsi da sola. 
Scolarle e sbucciarle, avendo cura di rimuovere anche le nodosità presenti tra buccia e polpa, quindi porle in una terrina e iniziare a schiacciarle per ottenere una purea, addizionando gradatamente miele.
Ottenere un impasto omogeneo, senza liquido in superficie né grumi all'interno.
Trasferire nel piatto di portata.




              
              

 Oxumarê, con Nanã, Omolu-Obaluaiê, Ewá e Ossaim, appartiene alla 
famiglia Kerejebe ("piccola famiglia reale") di origine Jeje.
Caratteristica di questa famiglia di Orixás è il legame con l'elemento terra.
Oxumarê il serpente che si trasforma in arcobaleno, manifestazione di ricchezza materiale e varietà, dispensatore di beni.

             
              
Vai a: Oxumarê